Il funzionamento del servizio DHCP

Il servizio DHCP permette di automatizzare l’assegnazione degli indirizzi Ip all’interno di una rete.
L’assegnazione dell’indirizzo ip a un client avviene in questo modo.
Il client all’avvio invia un messaggio DHCPDISCOVER in broadcast sulla rete locale per individuare se ci sono server DHCP disponibili.
Il server DHCP invia un messaggio DHCPOFFER al client che contiene la configurazione del server e un indirizzo Ip disponibile. Se esiste una reservation per il MAC address del client, il server offre l’indirizzo Ip specificato.
Il client risponde al server con un messaggio DHCPREQUEST in cui richiede l’indirizzo indicato dal server nel messaggio DHCPOFFER.
Se l’indirizzo è ancora disponibile il server risponde con un messaggio DHCPACK e il client può utilizzare l’indirizzo.

L’indirizzo assegnato al client ha una durata limitata.

Il client invia al server una richiesta di rinnovo della lease a metà della durata e se il server è online generalmente la accetta e il periodo per cui è valido riparte.
Se il server non è disponibile il client tenta di rinnovare l’indirizzo quando arriva a 87,5% della durata della lease. Se il server non è disponibile il clienta tenta di individuare un altro server e ottenere un nuovo indirizzo.

Quando il client viene spento correttamente invia un messaggio DHCPRELEASE al server che rende disponibile l’indirizzo per l’assegnazione a un altro client.
Se il client si disconnette dalla rete senza inviare un messaggio DHCPRELEASE l’indirizzo non viene assegnato fino a quando scade la lease.